Calipso

IMG_20200309_215258_734-001

 

CALIPSO… LA LA LA LA…
Vi ricordate, nell’Odissea, quando Ulisse incontrò la dea del mare?
Nella mitologia greca è conosciuta come una Oceanina, Nereide o Ninfa.
Calipso è anche il titolo del tormentone estivo di Mahmood e Sfera Ebbasta.
Con questo disegno vorrei farvi tornare col pensiero all’estate.
Perché l’estate è uno stato d’animo! Siete d’accordo?

Realizzato con: matite, carboncino, china, pennarello nero, Paint e il filtro Sutro di Instagram.

Vi manca l’estate o preferite l’inverno? Commentate qui sotto.

 

Work in progress video:

View this post on Instagram

L'INVIDIA FA MALE SOLO AGLI INVIDIOSI. In passato alcune persone, nella loro ignoranza, hanno provato ad abbattermi con le loro parole, ad esempio: “Non è possibile che tu abbia fatto questo disegno.” oppure: “Gli occhi, come li fai tu, so farli anche io.” o ancora: “Fammi questo disegno ma cancella la tua firma (per mettere la propria)". Un giorno, quando ero in prima media, era venuta in classe a farci visita un'illustratrice che aveva appena pubblicato un libro illustrato. I miei compagni di classe mi spinsero a mostrarle il mio fumetto, anche se io mi vergognavo un po'. Lei rimase di sasso, pietrificata. Non disse nulla, si voltó e riprese a parlare del suo libro, come se niente fosse. ● COME L’HO SUPERATO? “L’invidia è una confessione d’inferiorità.” (H. De Balzac) Non mi sono lasciata buttar giù. Anche perché di sicuro non rinuncio al disegno. A chi non credeva che un disegno lo avessi fatto io, gliene ho disegnato uno proprio davanti ai suoi occhi e quindi ha per forza dovuto credermi. Gliel’ho dimostrato, non a parole ma con i fatti, e di fronte all’evidenza ha dovuto tacere. Ma anche se non mi avesse creduto, che importanza avrebbe avuto? L’importante è che lo sappia io e che lo sappia chi mi conosce e apprezza davvero ciò che faccio. Non mi interessa il parere di chi vuole, a modo suo, trasmettermi negatività o distruggermi. “L’invidioso mi loda senza saperlo.” (Kahil Gibran) E inoltre, ho sempre accettato e ascoltato le critiche purché fossero costruttive. Quando vengono fatte solo per fare del male, semplicemente non le ascolto. Infine, a volte mi è stato detto: "Vorrei disegnare come te". È impossibile che qualcuno possa disegnare nello stesso identico modo di un'altra persona. Io ho il mio stile e non potrò mai avere quello di qualcun altro, così come tu non potrai mai avere il mio. Anche voi siete state vittime di ignoranza, invidia e cattiveria? Commentate qui sotto. Continua nel prossimo post con l'hashtag #EvelynArtTips . . #disegni #disegnare #disegnatrice #disegniamano #disegnibiancoenero #disegno #disegnoamatita #disegnoamano #disegniamatita #disegniapenna #disegnoapenna #creatività #arte #artista #artisti #art

A post shared by Evelyn (@evelyn_artworks) on

Dafne

dafne 2020 txt ev

 

CONOSCETE IL MITO GRECO DI DAFNE?
La ninfa Dafne fu trasformata in un albero ma la sua bellezza rimase inalterata.
L’ho rappresentata mentre la trasformazione è ancora in corso.
Ho conosciuto questo episodio della mitologia da piccola, quando ho visto un episodio del cartone animato Pollon in cui Dafne era la protagonista e mi è rimasta impressa nella memoria.
La canzone che mi ha ispirata e che ho ascoltato mentre disegnavo Dafne è “Alone, Pt. II” di Alan Walker e Ava Max.

Realizzato con: matita, carboncino, china, pennarello nero, colorazionedigitale e filtro “Sutro” Instagram.

E voi in cosa vorreste trasformarvi? Commentate qui sotto.

 

Work in progress video:

View this post on Instagram

GLI OSTACOLI SONO FATTI PER ESSERE SUPERATI. Nel mio percorso artistico, lungo quasi quanto la mia stessa vita, ho incontrati vari piccoli e grandi ostacoli. In passato di ostacoli ne ho incontrati tanti. Li ho affrontati come se fossi stata messa alla prova, per dimostrare quanto tenessi ai miei obiettivi e progetti. Anzi, col senno di poi posso dire che quei cosiddetti ostacoli hanno solo reso le mie idee ancora più chiare. E forse, a volte, prima di trovare la strada giusta bisogna conoscere quelle sbagliate. E saper dire anche di no, qualche volta. “Il mare calmo non ha mai reso il marinaio esperto.” (Franklin D. Roosevelt) La mia passione per il disegno e la mia forza di volontà sono talmente forti che non ho mai permesso a nessun ostacolo di bloccare il mio cammino artistico. Disegnare è qualcosa di cui non ho mai potuto fare a meno. Fa parte della mia natura. Essere artisti vuol dire pensare da artisti. Ecco quali sono stati gli ostacoli che ho incontrato e come li ho superati: 1. Incomprensioni, pregiudizi e cliché A volte le persone che mi parlano disegno non hanno mai disegnato in vita sua oppure hanno abbandonato il disegno dopo dei tentativi, perché non sono portati per farlo o, forse, perché considerano il disegno come una cosa destinata solo ad alcune categorie di persone: quelle di un’elite, i nerd o i bambini. C’è anche chi confonde il grafico col disegnatore, il fumettista con l’illustratore e così via. Non sanno cosa ci sia dietro un disegno, come nascono le collaborazioni, perché io disegno una cosa piuttosto che un’altra. . ● COME HO SUPERATO QUESTO OSTACOLO? Ho smesso di dargli troppa importanza, e di pensare che sia una questione di vita o di morte far capire il mio punto di vista. Cerco di spiegare quello che faccio usando un linguaggio chiaro e semplice, e restando a disposizione per ulteriori chiarimenti. L’arte è di tutti. E non è solo un bel quadro da guardare. A volte può essere utile alle persone. Continua nel prossimo post con l'hashtag #EvelynArtTips . #drawart #drawartist #drawingart #disegnare #arte #disegnatori #artistiemergenti #artisticontemporanei #artistacontemporaneo #artistaemergente #artista #talentoemergente

A post shared by Evelyn (@evelyn_artworks) on

 

 

 

 

Dammi tre parole

IMG_20200131_214231_863

Significa VIRTÙ. Ho scoperto questa parola greca leggendo il libro: “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” di Robert M. Pirsig, che vi consiglio di leggere. È proprio la ricerca della Virtù che mi spinge a disegnare e mi guida nella creazione.
Avete letto anche voi quel libro? Fatemelo sapere in un commento.

 

 

 

❤️

 

 

IMG_20200131_214249_168

Significa esprimere l’anima, la creatività, l’amore in qualcosa; mettere la tua ESSENZA nel tuo lavoro e in tutto ciò che fai. Infatti per me è proprio così: in ogni mio disegno metto anima, creatività e amore. Ed è vero che in tutte le opere di un artista c’è sempre la sua essenza. Per quello, secondo me, chi vuole davvero a conoscermi e a capire tantissime cose di me deve saper osservare i miei disegni. A volte rimango piacevolmente sorpresa da come alcune persone riescono a comprendere fino in fondo il mio mondo interiore attraverso i miei disegni. Probabilmente perché sono lo specchio dell’anima (come ho scritto nella didascalia della mia biografia qui su Instagram). Quando disegno sono me stessa al 100%.
Qual è il vostro Meraki? Commentate qui sotto.

 

❤️

 

IMG_20200131_214307_244

Significa soffrire ma anche EMOZIONARSI; è la parte IRRAZIONALE dell’animo umano.
È esattamente ciò che provo mentre disegno e sono veramente soddisfatta di me stessa quando gli altri lo percepiscono. Non esistono confini logici: mi sento libera quando disegno.
Secondo Paul Cezanne: “Un’opera che non ha avuto inizio da un’emozione non è arte”.
E voi, cosa ne pensate? Fatemelo sapere con un commento qui sotto.

 

 

 

 

Persephone / Kore (We all have darkness)

persefone-001 txt

IMG_20200205_122213_717

IMG_20200121_115358_892

Persephone / Kore (We all have darkness)
She was just an innocent girl before she had become the queen of the underworld, through her abduction by and subsequent marriage to Hades, the god of the underworld. He tricked her, giving her some pomegranate seeds to eat in the underworld, so she was obliged to spend a third of each year (the winter months) there, and the remaining part of the year with the gods above.
She’s also the goddess of springtime, flowers and vegetation. So I portrayed Persephone half shining, lit, with pomegranate flowers in the background, and half obscured, in the shade.
I have always been struck and inspired by this contrast between light and darkness.
I think we all have a dark side, even if we hide it.
“Rare” (new single and album too) by Selena Gomez has been an inspiration for my portrait of Persephone: I was listening to it, both when I got the idea and while I was drawing and coloring her.

Realized with: pencils, ink, digital color and Instagram filtrer.

When did you cross over to the dark side? Do we all have a side we don’t show to anyone? Comment below.

pic persefone

 

La MITOLOGIA GRECA è fonte d’ispirazione per i miei disegni. Appassiona me e fa sognare voi, cosa c’è di più bello?

Il mio disegno di Persefone è in assoluto quello che avete condiviso più spesso nelle vostre stories (come si può vedere scorrendo col dito questo post).
E di questo vi ringrazio di cuore! Io non dò nulla per scontato.

Realizzato con: matite e china a penna. Ho aggiunto il filtro Instagram “Aden”.

Ringrazio anche Laura Bellanova perché ha scelto il mio disegno per illustrare una delle sue poesie, tratta dal suo prossimo libro.
Buona lettura a tutti!

“Io Persefone mi persi
Chiesi aiuto ma nessuno mi udì
La terra si aprì sotto i miei piedi
E il dio Hades mi portò giù
Nel batatro degli abissi.
Prima a cercarmi fu mia madre
La mia devota Demetra
Non potevamo stare l’una senza l’altra.
Lei chiese a Ecate che della notte era la Signora,
notizie di me
Fu mandata dal Sole che le spiegò
Il volere di Zeus di farmi rapire da Hades.
Dalla rabbia mia madre
Non tornò all’Olimpo
Ma si tramutò in una vecchia vestita di cenci
E poi triste pianse accanto a un pozzo.
Trovò pietà e rifugio presso il pastore Celeo e sua moglie
Poi per vendicarsi della decisione di Zeus
Di farmi condurre negli abissi
Col tocco delle sue mani
Rese la terra infruttuosa
Così il potente Zeus che assistiva al danno della carestia
Scese a patti con Demetra
E stabilì ch’io vivessi due terzi dell’anno con mia madre
E un terzo con Hades giù nell’Erebo.
Così io, divenuta creatura dell’oltretomba
Sono parimenti come un seme
E resterò sottoterra finché non giunga a desiderare i miei germogli
La tenera lucente e calda primavera.”

Fatemi sapere se vi piace questa poesia, con un commento qui sotto.

 

♡ Follow me ♡
▶ Facebook https://www.facebook.com/EvelynArtworks
▶ Twitter https://www.twitter.com/Evelyn_Artworks
▶ Instagram https://www.instagram.com/evelyn_artworks

 

Work in progress video:

 

Penelope

IMG_20191017_180143_496.jpg “La mesta Penelope, ancora intenta a tessere e disfare la tela per ingannare il tempo e i pretendenti durante la prolungata assenza del marito di Ulisse, che sfarfallando a destra e a manca collezionava avventure e romanticherie. Sarebbe mai tornato? Boh!
La donna, triste e stanca per l’infinita attesa, era avvolta da un pallido grigiore; lo sguardo, un tempo dolce e profondo, ormai appariva spento e velato. Si era rassegnata al ruolo di sposa encomiabile, rinunciando a se stessa senza reagire, accontentandosi dei ritagli di tempo che il glorioso consorte le avrebbe forse un giorno concesso. Quante Penelopi dolci e arrendevoli si consumano umiliandosi per un uomo che non le merita, mentre la vita scorre e passa e le occasioni di riscatto svaniscono. Commiserando tanto ostinata risoluzione.” (Da “Il verde tarlo di Sofia Capello, @panesiedizioni, su Amazon e nei digital store).
Con questo disegno vorrei comunicare la testardaggine e la forza di resistenza di Penelope e al tempo stesso la sua tristezza.
La mitologia greca mi ispira sempre moltissimo.
Per realizzare questo disegno ho utilizzato: la matita, la china, la colorazione digitale e un filtro di Instagram.
Ti sei mai sentita un po’ come Penelope? (Mi auguro di no! 😅)
🌊⬇ Se ti va, condividi la tua esperienza scrivendo un commento qui sotto. ⬇🌊
.
.
♡ Follow me ♡
▶ Facebook https://www.facebook.com/EvelynArtworks
▶ Twitter https://www.twitter.com/EvelynArtworks
▶ My blog https://evelynartworksblog.wordpress.com
.